monica-dal-pra

[Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ]

Bruxelles  -  T +39  02 9285 4159

Ordine degli avvocati di: Venezia

SETTORI
Beni di lusso, Distribuzione autoveicoli, Settori Regolamentati (Telecomunicazioni, Energia e Gas, Poste), Servizi Audiovisivi, Editoria, Televisione Digitale, Settore Tessile, Settore Alimentare, Fondi di Investimento, Servizi Bancari.

LINGUE
Italiano   Inglese   Francese   Spagnolo

• • •

Monica Dal Prà svolge la sua attività presso la sede di Bruxelles.

Abilitata all’esercizio della professione forense dal 1998, ha un’esperienza approfondita in materia di diritto della concorrenza con particolare riferimento alla consulenza prestata ad imprese nazionali e straniere nella valutazione di accordi verticali e di cooperazione orizzontale. Assiste le imprese in relazione ad istruttorie avviate dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e dalla Commissione Europea in materia di intese restrittive della concorrenza e abusi di posizione dominante, nonché negli eventuali ricorsi giurisdizionali di impugnazione che possono seguire. Cura l’adempimento degli obblighi di comunicazione e notifica preventiva alle autorità antitrust e di regolazione delle operazioni di concentrazione, sia domestiche che internazionali, assicurando un coordinamento strategico multi-giurisdizionale alle imprese che realizzino operazioni di concentrazione coinvolgenti autorità di diversi Stati.

Assiste imprese nazionali ed estere nell’ottenimento delle licenze e dei titoli autorizzatori necessari per operare nel settore delle comunicazioni elettroniche, nonché nell’espletamento degli obblighi imposti dalla normativa nazionale a tale scopo. In tale contesto, rappresenta le imprese presso l’Autorità per le Garanzie per le Comunicazioni ed il Ministero per lo Sviluppo Economico.

Assiste inoltre le imprese nella predisposizione di denunce nei casi di violazione delle regole di concorrenza derivanti da comportamenti di operatori concorrenti o da legislazioni nazionali non conformi ai principi comunitari.

Predispone manuali di condotta nell’ambito di programmi di compliance antitrust, svolgendo corsi di formazione sul diritto della concorrenza presso le imprese.

Ha acquisito esperienza in diversi settori merceologici, quali: i beni di lusso (accessori, occhialeria, articoli di pelle, gioielli, profumi), distribuzione (autoveicoli, moto e veicoli commerciali), settori regolamentati (Telecomunicazioni, Energia e Gas, Poste), servizi audiovisivi (pay-tv, televisione digitale), editoria, settore tessile, settore alimentare, fondi di Investimento, servizi bancari.  

Laureatasi in Giurisprudenza presso l’Università di Padova (1993), si è successivamente specializzata con un master in diritto europeo presso l’Institut des Etudes Européennes dell’Université Libre de Bruxelles (1994-1995), dove ha approfondito materie quali il diritto della concorrenza e la libera circolazione delle merci e dei servizi.

Dopo uno stage di un anno presso la Commissione Europea, alla Direzione Generale della Concorrenza, ha collaborato con lo studio Chiomenti (dal 1995 al 2001) e lungamente con lo Studio Bonelli Erede Pappalardo (dal 2001 al 2015).

Nel frattempo ha svolto diversi incarichi di docenza nell’ambito di corsi di formazione post-laurea rivolti ai giuristi di impresa, curando i moduli dedicati al diritto della concorrenza (tra i quali Master Diritto e Impresa organizzato da Il Sole 24 Ore).

E’ autore di pubblicazioni su svariati temi relativi al diritto della concorrenza, come in tema di distribuzione auto (“Riflessioni intorno alle definizioni di mercato rilevante nel settore degli autoveicoli ai fini dell’applicazione del nuovo regolamento auto”, in Contratto e Impresa, 1/2003), telecomunicazioni (collaborazione alla stesura del “Codice delle Telecomunicazioni – disciplina nazionale e comunitaria in tema di telecomunicazioni e televisione”, Giappichelli, Torino, 1998), concentrazioni (“La modifica del regolamento concentrazioni : la disciplina applicabile alle joint ventures”, in Il diritto dell’Unione europea, 1/1998, e “Le modifiche al regolamento sul controllo delle operazioni di concentrazione”, in Diritto del Commercio Internazionale, 2/1998, entrambi con con Marco Nicolini) ed altri temi  “L’articolo 280 del Trattato di Amsterdam e la lotta alle frodi comunitarie”, in Diritto del Commercio Internazionale, 3/1998, “La sentenza della Corte di Giustizia delle Comunità europee Denkavit”, in Le Società, 1/1997).

Monica Dal Prà è di madre lingua italiana, parla correntemente inglese e francese e ha una buona conoscenza dello spagnolo.

PROFESSIONISTI »