Gabriella Scionti

[Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ]

Roma  -  T +39 06 4559 5052   F +39 06 4559 5064
Milano - T
+39 02 9285 4159

Ordine degli avvocati di: Catania

 

SETTORI
Beni di lusso, Beni di largo consumo, GDO, Industria chimica, Filiera petrolifera, Servizi di agenzia marittima

LINGUE
Italiano   Inglese   Francese   Spagnolo

• • •

Gabriella Scionti svolge la sua attività presso le sedi di Roma e Milano.

Abilitata all’esercizio della professione forense dal 2001, ha una significativa esperienza in materia di diritto della concorrenza italiano ed europeo – segnatamente, in relazione a intese restrittive della concorrenza, accordi di distribuzione, abusi di posizione dominante, joint-ventures e concentrazioni – rappresentando clienti italiani e stranieri dinanzi all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e alla Commissione Europea, nonché di fronte ai giudici nazionali, amministrativi e civili, e alle Corti dell’Unione Europea. Fornisce consulenza alle imprese ai fini della predisposizione e dell’attuazione di codici di compliance antitrust ed è altresì specializzata in materia di tutela del consumatore e di contrattualistica commerciale.

La sua esperienza copre diversi settori merceologici, tra i quali: produzione e distribuzione di carburanti per autotrazione e di jet fuel, comparto chimico, industria aerospaziale, trasporto marittimo e servizi di agenzia marittima, distribuzione di beni di lusso, produzione e distribuzione di bevande e grande distribuzione organizzata.

Gabriella Scionti è menzionata fra gli avvocati di spicco nell’area “Competition/European Law (Italy)” e i clienti la definiscono "quick, assured and business-minded" (Chambers 2014).

Ha conseguito la Laurea in Giurisprudenza con lode presso l’Università degli Studi di Catania (1997) e un LLM Master of Laws presso la London School of Economics and Political Science – University of London (1998).

Dal 1999 al 2009 ha collaborato con lo studio Allen & Overy LLP, nell’ambito dell’International Antitrust Group, dapprima presso la sede di Milano, quindi presso quella di Roma. Nel 2005 ha svolto un secondment semestrale presso Sibeg S.r.l., imbottigliatore indipendente del sistema Coca-Cola, prestandovi attività di consulenza in materia di diritto della concorrenza, diritto commerciale e diritto civile dei contratti. Nel 2009 ha avviato un proprio studio in Roma, svolgendo attività di consulenza legale nei settori del diritto della concorrenza, italiano e europeo, e del diritto dei contratti d’impresa. In questa fase, ha inoltre collaborato con numerosi studi legali, in veste di consulente antitrust su base non esclusiva.

Gabriella Scionti ha partecipato al Progetto di Ricerca del Dipartimento di Studi Giuridici dell’Università di Verona su "Profili internazionalistici e comunitari in materia di biotecnologie", diretto dalla Prof.ssa Nerina Boschiero, ed è autrice del testo “La protezione delle invenzioni biotecnologiche nella normativa comunitaria e internazionale. Problemi di coordinamento e rapporti tra disciplina brevettuale e regime varietale”, in “Bioetica e Biotecnologie nel diritto internazionale e comunitario (Questioni generali e tutela della proprietà intellettuale)”, a cura di Nerina Boschiero, Torino, 2006.

Coautrice dell’articolo “Patrimoni dedicati e azioni correlate: “cellule” fuori controllo?” in Le Società, N. 10/2003, ha svolto incarichi di docenza presso la Pontificia Università Urbaniana nell’ambito del Corso su “I rapporti tra Internet e il Diritto Internazionale”, sul tema delle fonti del diritto internazionale e comunitario in materia di Internet, nonché presso l'Università degli Studi di Verona, nell’ambito del Master's Degree in Advanced International Legal Studies, sul tema “I rapporti tra diritto internazionale pattizio e diritto interno: il problema del coordinamento tra le convenzioni internazionali in vigore per l’Italia e le nostre norme di diritto internazionale privato”.

Gabriella Scionti è di madre lingua italiana, parla correntemente inglese e francese ed ha una buona conoscenza dello spagnolo.

PROFESSIONISTI »